Dario Galimberti: Home

Un'ombra sul lago

Giallo: Torna a ROMANZI

Un'ombra sul lago

Libromania (13 maggio 2019)

Il delegato Ezechiele Beretta, massima autorità della polizia cittadina, se ne sta rintanato in un angolo del bar Lugano a gustarsi il primo caffè del mattino, quando il trambusto proveniente dall'esterno attira la sua attenzione. Gli abitanti del malfamato Sassello avanzano verso il centro della piazza al seguito di Mosè Guerreschi che incede lentamente con la piccola Ombretta aggrappata ai suoi pantaloni vecchi e logori e un fagotto stretto in braccio. Non portano problemi. Quella processione è una richiesta d'aiuto. Beretta afferra il fagotto, una vecchia coperta militare da cui spunta la testa di un bambino esanime, Agostino Guerreschi, e si precipita in ospedale dove si assicura che il piccolo riceva cure adeguate. La ricostruzione di Agostino viene archiviata come una fantasia infantile, un modo per coprire le marachelle che hanno portato a quell'incidente quasi mortale. Pochi giorni dopo, però, quando Ombretta viene rapita in circostanze analoghe sotto gli occhi della madre e di una vicina, Beretta maledice le sue conclusioni affrettate e capisce che non c'è un attimo da perdere se vuole restituire a quella povera famiglia la bambina sana e salva. Tra false piste, intuizioni geniali e squarci sulla vita privata del tormentato protagonista, le indagini procedono faticosamente, ostacolate dai poteri forti della città che non vogliono guai, mentre ombre sempre più minacciose si allungano sulle acque blu del lago che bagna la città.


Gallery

Edifici e Romanzi, Ginevra, settembre 2020

Edifici e Romanzi, Ginevra, settembre 2020

Stampa

L'angelo del lago
Lugano,1935. Una Lugano apparentemente tranquilla, nello splendore delle sue ville e villette della ricca borghesia ticinese, con i suoi palazzi di una architettura assolutamente folgorante, i suoi bar, le sue trattorie e le abitudini della sua gente... per non parlare del Lago, affascinante, soprattutto in primavera, con le sue Breve, i suoi giardini, le sue Limonaie. Ed è proprio all’interno di una queste, appartenente ad una famiglia alto-borghese, potente, in apparenza moralmente perfetta, che si attua un omicidio... o presunto tale perché il finale sarà molto a sorpresa. Personalmente non me lo aspettavo! Spetterà all’integerrimo, ma molto umano e sensibile, Capo della Gendarmeria ticinese Beretta, per gli amici Zechi, ed al timido suo assistente Frapolli scoprire ciò che è realmente accaduto in quel settembre 1935 ad una giovane, bellissima donna borghese. Non sarà facile poiché l’apparenza inganna. Ma riusciranno a smascherare tutta l’ipocrisia, la sete di potere e di ancor più ricchezza di una famiglia. A scapito di chi conduce una vita normale, innocente e sognatrice. E sarà un libro ‘un Sognatore’ a creare un profondo legame tra due ragazzi puliti e genuini. La vittima diventerà per tutti l’angelo del lago e tale rimarrà per sempre nella memoria di Lugano e nella memoria di noi lettori. L’inizio sembra partire un po’ a rilento ma poi non si può smettere di continuare finché non lo si finisce. Ed il finale è veramente sorprendente, ti lascia basito. Bello, bello, bello. A volte percorso da tratti ironici nella descrizione di alcuni personaggi, quelli più simpatici, a volte con tratti sarcastici nella descrizione dei personaggi cosiddetti ‘alto-borghesi’. Mi è piaciuto moltissimo sotto tutti gli aspetti: scrittura, trama, descrizioni. Lo consiglio. Altro...
Michela Martinotti, Books,writers and Chats, Facebook


Lettori

Un'ombra sul lago
Romanzo scritto molto bene che ti coinvolge e ti sprona ad arrivare alla fine. I personaggi ed il contesto storico sono ben descritti. Altro...
Cliente Kindle, Amazon (2020)